a cura di Pasquale Paglia

 

 GRUPPI, LE ASSOCIAZIONI, I MOVIMENTI

Associazione Apostolato della Preghiera

       Si auspica anzitutto la comunione tra i gruppi e lo spirito di collaborazione nelle varie attività pastorali;

 

-         la funzione di Pastore non si limita alla cura dei singoli fedeli (dei gruppi), essa va estesa alla formazione dell'autentica comunità cristiana. (Decr. su Ministero e vita sacerdotale, 6, 1260);

-       i fedeli trattano i Presbiteri con amore filiale, come loro Pastori e Padri... si sforzano di essere di aiuto a loro con la preghiera e con l'azione, in modo che essi possono superare più agevolmente le eventuali difficoltà e assolvere con maggiore efficacia i propri compiti. (PO 9, 1276);

-        va chiarito che il costituirsi in una comunità cristiana di un “gruppo” non significa delegare ad alcuni ciò che dev’essere assolutamente di tutti. Quindi non un corpo estraneo applicato, ma un’espressione di tutta la comunità;

-         è un fatto importante che i "gruppi" esistenti nella Parrocchia abbiano un incontro settimanale di preghiera come di esperienza d'amore col Signore e tra i membri di ogni gruppo. Gli elementi base di quest'incontro di preghiera sono: accoglienza della Parola, l'ascolto che si fa dialogo nella preghiera. Quando c'è dialogo c'è accoglienza;

*        il frutto della preghiera dev’essere proiettato in un impegno di vita, nel servizio, nella carità, nella testimonianza di vita cristiana esemplare.

Se la preghiera è fine a se stessa a nulla giova: “Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli… (Mt. 7,21).

Gruppo di Preghiera di San Pio da Pietrelcina

 

Coro Parrocchiale