a cura di Pasquale Paglia

 

.

I N N I    D I

SAN     PANTALEONE

                       

 

INNO A SAN PANTALEONE

Testo di Mons. Pio Arena  

Musica di Antonio Rimedio 

Arrangiamento di Pino De Fazio

 

Salve, martire invitto ed eroe,

della fede campione onorato,

Pantaleone, tu sei l’amato

protettore del nostro dolor.

 

O come trepido palpita il cuore

Pantaleone, sia gloria a te.

Sull’onda eterea, dolce d’incanto,

s’elevi il canto dal nostro cuor.

 

Papanice t’eleva nel cielo

un poema di gloria e di amore;

tutti insieme con animo anelo

il tripudio eleviamo dal cuor.

 

O come trepido palpita il cuore…

 

Dolce Padre, lo sguardo pietoso

su noi volgi benigno e sereno;

tu proteggi dall’alto del cielo

Papanice che il cuore ti dà.

 

  O come trepido palpita il cuore…

   

 

INNI E CANTI

 

Inni e canti sciogliamo, o fedeli,

all'atleta di Cristo Signore,

che per molti intercede nei cieli;

per noi tutti egli prega di più.

 

                        Dei tuoi servi lo stuolo qui prono,

                        o gran Santo, benigno rimira!

                        Lunga pace, pietate, perdono,

                        Tu c'implora dal caro Gesù.

 

Figlio illustre di stirpi nomate,

Nicomedia i natali gli dona,

cura attento le membra malate;

dona agli egri la vita e la fé…

 

Tra  i Bitìni si loda il valore

della scienza che in esso risplende;

ma son presi da cieco furore

nel saperlo di Cristo fedel.

 

O d'oriente gran santo, gran figlio,

di Papanice sei vanto e decoro;

serba intatto il cor nostro, qual giglio;

tu c'impetra la vita del ciel!

 

 

E quell'osso tu mira nel vetro,

che qui parla… incoraggia i fedeli;

che qui sfata la mente il cor tetro

che non crede, non ama il Signor.

 

Egli forte la lotta non cura

sprezza i numi, l'incenso dell'ara;

sceglie il bene ch'eterno perdura

dando il corpo al nemico furor.

 

Come fiore da stelo reciso

cade il capo del prode di Cristo,

e lo spirito dal corpo diviso

ne raccoglie la palma nel ciel.

 

Rosso il sangue s'aggruma sul suolo;

rinverdisce l'olivo già secco:

di portenti è segnato il bel volo

che il gran santo ci fece lassù.

 

 

accendi le casse acustiche e ascolta la registrazione dell'inno

 

 
 

 

 
 
 
 
 
 
 
 

 

 

 

 

 
 
 

 

 

 

 

 

     Precedente